Ada Hegerberg prima donna Pallone d’oro le chiedono di Twerkare

7
Ada Hegerberg prima donna pallone d oro twerk martin soveig

La norvegese giocatrice di prim’ordine a Lione è la prima donna a vincere l’ambito trofeo, alla consegna riceve anche una battuta sessista ecco cos’è successo

Sei una ragazza realizzata di 23 anni, talmente brava a giocare a calcio da meritarti il primo Pallone d’oro al femminile,premio molto ambito, e mentre te lo consegnano il conduttore decide di farti la domanda meno opportuna possibile.

È successo ad Ada Hegerberg, norvegese dell’Olympique Lione.

Lei alla richiesta di un twerk da parte di
Martin Solveig, il ballo esplicito in cui si ondeggiano le anche in modo provocante che faceva Miley Cyrus già qualche anno fa, ha risposto con un netto no e poi ha accettato le scuse del presentatore Martin Solveig.

Ada Hegerberg pallone d'oro Martin Solveig battuta sessista twerk

Non l’ha presa altrettanto bene la rete che, della presunta gag, tale è stata definita dal presentatore, rimarca come il trattamento sessista sia stato riservato a lei e a nessun altro dei premiati di fatto essendo una richiesta sessista che nulla aveva a che fare col mondo del calcio.

Guarda il Video – 

Andy Murray ,noto femminista, ha commentato:

«Che domande ha fatto a Mbappé e Modric? Immagino qualcosa sul calcio. A tutti quelli che pensano che la mia reazione sia esagerata e che era solo uno scherzo, dico che non lo era. Ho vissuto una vita nel mondo dello sport e il livello di sessismo è inimmaginabile».

La battuta e stata talmente inutile e così fuori luogo che nella sala è sceso il gelo.

pallone oro Ada Hegerberg Martin Solveig battuta sessista twerk
Ada Hegerberg 

Ada Hegerberg non ha avuto esitazioni nel dire no e il suo sguardo aggiungeva tutto quello che serviva per completare la frase a modo debito.

Non è tipo da farsi impressionare la bionda norvegese che due anni fa è stata eletta miglior giocatrice Uefa e ora riceve un riconoscimento che finora è stato solo maschile.

Nata fra i fiordi di Molde e poi trasferitasi alle porte di Oslo gioca a calcio fin da quando era bambina («dai 7 anni con i maschi per gioco, seriamente dagli 11 in poi») come la sorella Andrine anche lei nel giro della nazionale norvegese.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here