Sylvester Stallone non sarò mai piu Rocky

43
addio rocky sylvester stallone

Sylvester Stallone dice addio a Rocky

Sylvester Stallone protagonista di capitoli intramontabili lo ha annunciato definitivamente in un video con le parole:

Tutto ha una fine, non vestirò più i panni di Rocky


Sly Dice Addio a Rocky

Un messaggio quello di Sylvester Stallone che ha rattristato un po i fan ma un messaggio chiaro: Spazio ai giovani 

L’attore di Rocky Rambo e i mercenari si riferisce principalmente alla saga di Creed 2 – che ha definito come la sua eredità.

Continua a leggere: Silvester Stallone Chi è ,Filmografia e Film di Sylvester Stallone in Streaming 

Sylvester Gardenzio Stallone, soprannominato Sly (New York, 6 luglio 1946), è un attore, sceneggiatore, regista e produttore cinematografico statunitense, principalmente conosciuto per l’interpretazione dei tre celebri personaggi Rocky Balboa, John Rambo e Barney Ross,ma non sono, questi i protagonisti di tre popolari e fortunate saghe cinematografiche iniziate con le pellicole Rocky(1976), Rambo (1982) e I mercenari – The Expendables (2010).

Biografia e Film 

Sylvester Stallone ha spesso e con fortuna legato la sua fama all’interpretazione di personaggi che riescono “a prendersi la rivincita su una società spesso chiusa e corrotta, superando avversità e ingiustizie grazie alla propria forza di volontà e fisica.

Nel 2015 riprende il ruolo del pugile Rocky Balboa nel film Creed – Nato per combattere, per il quale vince il Golden Globe per il miglior attore non protagonista e viene candidato ai Premi Oscar 2016 nella categoria di miglior attore non protagonista (39 anni dopo le due nomination ai Premi Oscar 1977 nella categoria miglior attore e migliore sceneggiatura originale per il primo Rocky).

Il suo nome è presente tra le celebrità della nota Hollywood Walk of Fame di Los Angeles dal 14 giugno 1984.

Origini

Stallone nasce presso un istituto di carità di Hell’s Kitchen, un quartiere di Manhattan (New York), il 6 luglio del 1946 da Frank Stallone (1919-2011[8]), un barbiere statunitense, figlio di immigrati italiani, Silvestro Stallone (1883-1963) e Pulcheria Nicastri (1890-1973), originari di Gioia del Colle (in provincia di Bari) ed emigrati negli USA nel 1930, e da Jacqueline Labofish (1921), un’astrologa statunitense figlia di un ebreo ucraino originario di Odessa, John Paul Labofish (1891-1956) e di una francese originaria di Brest e di religione cattolica, Jeanne Victoria Anne “Adrienne” Clerec (1896-1974). Il 30 luglio del 1950 nasce il secondogenito Frank Jr., futuro cantante e musicista con qualche incursione nel mondo del cinema.

Durante il parto la rescissione del nervo facciale dovuta all’uso del forcipe, gli causò una lieve paresi del lato sinistro del volto; durante l’adolescenza Stallone soffrì anche di rachitismo[13], cosa che gli causò molti problemi fisici. Nel 1951 la famiglia Stallone si trasferisce nel Maryland e in seguito i genitori si separano: la madre, con problemi di alcolismo, se ne va di casa e i bambini rimangono a vivere col padre, un uomo molto severo negli insegnamenti.

All’età di 15 anni si trasferisce a Filadelfia con la madre, il secondo marito di lei, la sorellastra Toni Ann e il fratello Frank, con cui frequenta la Abraham Lincoln High School, ma a differenza del fratello non vi si diploma.[14] Oltre a praticare il football e la scherma, inizia ad allenarsi nella palestra Barbella’s gestita dalla madre.[15] Frequenta poi la Devereaux Manor High School e dopo il diploma,[16][17] ottiene una borsa di studio per meriti sportivi all’American College in Svizzera[18]. Nel college svizzero inizia a recitare negli spettacoli teatrali, dove spicca nel ruolo di Biff nell’opera Morte di un commesso viaggiatore.

Lo sport lo aiuta a superare i problemi fisici avuti nell’infanzia[17] e la borsa di studio gli dà la possibilità di iscriversi alla University of Miami in Florida[17] dove sceglie la facoltà di arte drammatica e recita anche in alcuni spettacoli studenteschi[19]. Per frequentare l’università si mantiene con numerosi piccoli lavori, tra cui il parrucchiere, l’inserviente al Central Park Zoo di New York[20] e il bigliettaio di un cinema[18]. Nel 1969 decide di abbandonare il suo corso di studio e di tornare nella sua città natale, New York[17]. Nel 1999 gli viene conferita la laurea in recitazione dall’Università di Miami (Bachelor of Fine Arts) per la sua notevole carriera[21].

Il 16 febbraio 2007 Stallone, in Australia per promuovere Rocky Balboa, viene fermato dai funzionari doganali all’aeroporto di Sydney. L’attore viene trovato in possesso di grandi quantità di anabolizzanti: 4 fiale di testosterone e 48 di Somatotropina, noto anche col nome GH (Growth Hormone), cioè Ormone della Crescita[22][23][24]. I rappresentanti della legge australiana non esitano ad indagare sull’attore statunitense. Incriminato con l’accusa di importazione illegale di sostanze proibite, finisce sotto processo dove Stallone riconosce la sua colpevolezza per uso di sostanze dopanti, sostenendo che sono composti da lui utilizzati durante la sua oltre trentennale carriera di attore anche per il loro potere curativo contro alcune malattie della vecchiaia.

Nel dicembre 2016 viene annunciato che Donald Trump, neo Presidente eletto degli Stati Uniti d’America, starebbe pensando a Stallone per la presidenza del National Endowment for the Arts, l’agenzia federale che offre supporto e fondi ai più promettenti progetti artistici, dal cinema alla letteratura. In un comunicato ufficiale Stallone declina però l’offerta e prova a consigliare al neo Presidente un altro possibile impiego, a lui evidentemente più congeniale, dichiarando:

«Sono incredibilmente lusingato di esser stato segnalato per essere coinvolto nel lavoro del National Endowment for the Arts. Tuttavia credo che potrei essere più efficace nel portare l’attenzione della nazione sul problema del reducismo e del ritorno a casa del nostro personale militare, nel tentativo di trovare un lavoro retribuito, un alloggio adeguato e un’assistenza finanziaria che questi eroi rispettosamente meritano.»

(Sylvester Stallone)

Continua su Wikipedia

Film di Sylvester Stallone

Rocky I edizione remasterizzata full hd streaming gratis completo

Ecco i suoi film

Gli spericolati (Downhill Racer), regia di Michael Ritchie (1969) – non accreditato

M*A*S*H, regia di Robert Altman (1970) – non accreditato

Porno proibito (The Party at Kitty and Stud’s), regia di Lewis Norton (1970)

Amanti ed altri estranei (Lovers and Other Strangers), regia di Cy Howard (1970) – scene eliminate, non accreditato

Piccioni (The Sidelong Glances of a Pigeon Kicker), regia di John Dexter (1970) – non accreditato

Fuga senza scampo (No Place to Hide), regia di Robert Allen Schnitzer (1970)

Il dittatore dello stato libero di Bananas (Bananas), regia di Woody Allen (1971)

Una squillo per l’ispettore Klute (Klute), regia di Alan J. Pakula (1971) – non accreditato

Ma papà ti manda sola? (What’s Up, Doc?), regia di Peter Bogdanovich (1972) – scene eliminate, non accreditato

Happy Days – La banda dei fiori di pesco (The Lords of Flatbush), regia di Martin Davidson e Stephen Verona (1974)

Prigioniero della seconda strada (The prisoner of Second Avenue), regia di Melvin Frank (1975)

Quella sporca ultima notte (Capone), regia di Steve Carver (1975)

Anno 2000 – La corsa della morte (Death Race 2000), regia di Paul Bartel (1975)

Mandingo, regia di Richard Fleischer (1975) – scene eliminate, non accreditato

Marlowe, il poliziotto privato (Farewell My Lovely), regia di Dick Richards (1975)

Cannonball, regia di Paul Bartel (1976) – non accreditato

Rocky, regia di John G. Avildsen (1976)

F.I.S.T., regia di Norman Jewison (1978)

Taverna Paradiso (Paradise Alley), regia di Sylvester Stallone (1978)

Rocky II, regia di Sylvester Stallone (1979)

Film dopo il 1980

Dredd – La legge sono io streaming gratis altadefinizione
sly in Dredd

I falchi della notte (Nighthawks), regia di Bruce Malmuth (1981)

Fuga per la vittoria (Victory), regia di John Huston (1981)

Rocky III, regia di Sylvester Stallone (1982)

Rambo (First Blood), regia di Ted Kotcheff (1982)

Staying Alive, regia di Sylvester Stallone (1983) – non accreditato

Nick lo scatenato (Rhinestone), regia di Bob Clark (1984)

Rambo 2 – La vendetta (Rambo: First Blood Part II), regia di George P. Cosmatos (1985)

Rocky IV, regia di Sylvester Stallone (1985)

Cobra, regia di George P. Cosmatos (1986)

Over the Top, regia di Menahem Golan (1987)

Rambo III, regia di Peter MacDonald (1988)

Sorvegliato speciale (Lock Up), regia di John Flynn (1989)

Tango & Cash, regia di Andrej Končalovskij (1989)

Rocky V, regia di John G. Avildsen (1990)

Oscar – Un fidanzato per due figlie (Oscar), regia di John Landis (1991)

Fermati, o mamma spara (Stop! Or my Mom Will Shoot), regia di Roger Spottiswoode (1992)

Cliffhanger – L’ultima sfida (Cliffhanger), regia di Renny Harlin (1993)

Demolition Man, regia di Marco Brambilla (1993)

Lo specialista (The Specialist), regia di Luis Llosa (1994)

Dredd – La legge sono io (Judge Dredd), regia di Danny Cannon (1995)

Assassins, regia di Richard Donner (1995)

Daylight – Trappola nel tunnel (Daylight), regia di Rob Cohen (1996)

The Good Life , regia di Alan Mehrez (1997)

Cop Land, regia di James Mangold (1997)

Hollywood brucia (An Alan Smithee Film: Burn Hollywood Burn), regia di Alan Smithee (1997)

Men in Black, regia di Barry Sonnenfeld (1997) – non accreditato, immagini d’archivio

Film successivi al 2000

mercenari 3 streaming gratis ita

La vendetta di Carter (Get Carter), regia di Stephen Kay (2000)

Driven, regia di Renny Harlin (2001)

D-Tox, regia di Jim Gillespie (2002)

Avenging Angelo, regia di Martyn Burke (2002)

Taxxi 3 (Taxi 3), regia di Gérard Krawczyk (2003)

Shade – Carta vincente (Shade), regia di Damian Nieman (2003)

Missione 3D – Game Over (Spy Kids 3-D – Game Over), regia di Robert Rodriguez (2003)

Rocky Balboa, regia di Sylvester Stallone (2006)

John Rambo (Rambo), regia di Sylvester Stallone (2008)

Kambakkht Ishq, regia di Sabir Khan (2009)

I mercenari – The Expendables (The Expendables), regia di Sylvester Stallone (2010)

I mercenari 2 (The Expendables 2), regia di Simon West (2012)

Jimmy Bobo – Bullet to the Head (Bullet to the Head), regia di Walter Hill (2012)

Escape Plan – Fuga dall’inferno (Escape Plan), regia di Mikael Håfström (2013)

Il grande match (Grudge Match), regia di Peter Segal (2013)

I mercenari 3 (The Expendables 3), regia di Patrick Hughes (2014)

Reach Me – La strada per il successo (Reach Me), regia di John Herzfeld (2014)

Creed – Nato per combattere (Creed), regia di Ryan Coogler (2015)

Guardiani della Galassia Vol. 2 (Guardians of the Galaxy Vol. 2), regia di James Gunn (2017)

Escape Plan 2 – Ritorno all’inferno (Escape Plan 2: Hades), regia di Steven C. Miller (2018)

Creed II, regia di Steven Caple Jr. (2018)


L’ultimo film Sylvester Stallone è Backtrace, regia di Brian A. Miller (2018)

Galleria Foto


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here